La Dolce Vita 86 - Marina di Ravenna | Ozio
371
post-template-default,single,single-post,postid-371,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Ozio

Ozio

“L’uomo scopre la saggezza e inventa l’ozio”.

La Dolce Vita vuole essere un luogo dove far riposare il corpo e la mente, dove si possano dimenticare gli affanni quotidiani e dove si possa ritrovare la quiete in un ambiente divertente e informale.

L’ozio è uno stato di benessere del corpo e dell’anima. Uno stato libero e spontaneo durante il quale noi assaporiamo la gioia di vivere e di convivere, di stare con noi stessi e con gli altri, di sentirci in sintonia con i luoghi, le cose e le persone che ci circondano.

Ciò che facciamo durante le ore di ozio non risponde a nessun vincolo contrattuale, non segue nessuna prescrizione esterna, non rispetta nessun ritmo imposto da altri; risponde solo al piacere estetico e alla soddisfazione etica, al cielo stellato, che è sopra di noi e alla legge morale che è dentro di noi.

Ma l’ozio è un’arte difficile, che richiede esercizio, sperimentazione, autodisciplina. Bene indirizzato, esso genera eros e creatività, sublimandosi in gioco.

Privo di educazione, esso rischia di degenerare nella noia, nell’insipienza, nella violenza.

“La Fantasia e la Concretezza”

Domenico De Masi.